Valerio Pavan

In pittura spesso l’artista si riconosce dallo stile e non dal soggetto.  Io ho avuto l’idea di far l’esatto contrario e sono due anni che lavoro su uno stesso soggetto, alternando solo i materiali con cui lo realizzo e i colori con cui lo rappresento. Si tratta di due volti che si osservano, asessuati, uno può vederci due uomini, un altro due donne, altri ancora una copia.  Fondamentale in questa ricerca risulta la mia professione in Elettrolux dove ho compreso che la qualità dei materiali è prioritaria: una porta o addirittura una singola vite, se realizzata con un materiale o un altro, se trattata con un prodotto o un altro, determina la funzionalità e la durata dell’intero elettrodomestico. Vi è chi come nell’ “action painting” dà valore al solo gesto dell’artista e non ai materiali, io per contro rivendico l’importanza di questi ultimi e per rafforzare il concetto ogni mia opera è diversa l’una dall’altra non per il soggetto che è statico, ma per la materiale che lo genera.

Valerio Pavan su Facebook