Claudia Rossetti

Nasce come un gioco la sua passione artistica facilitata anche da un inserimento in giovane eta’ in un ambiente molto stimolante, a soli sei anni stringe amicizia con il pittore Nino De Valier che, a poco a poco, fa crescere in lei quel desiderio di andare oltre la materia della tela. Frequenta il liceo Artistico Santa Caterina di Treviso, e dopo un corso biennale, diventa restauratrice di dipinti su tela e affreschi. Grazie ad un’altro amico, Aurelio De Meo, a 17 anni intraprende quella che in seguito diventera’ una florida e ricca carriera artistica, risultando simpatica alla critica e ben nota nell’ambiente artistico della Marca.

Incontra colleghi pittori e stringe amicizia con uno scultore trevisano con il quale collabora alla realizzazione di decori e piccoli restauri in alcune ville prestigiose della marca e, a Desenzano sul Garda, si diverte inoltre nella realizzazione di particolari decori sul cuoio apprezzati sulla piazza veneziana ed europea. Porta le sue tele in diverse realta’ espositive, ripercorre le strade di Treviso esponendo in diversi locali caratteristici come il prestigioso museo di Casa dei Carraresi. Colleziona collettive in tutta Italia fino ad approdare nella splendida vetrina turca di Istanbul. Predilige la tecnica mista su tela, anche se il suo sogno un giorno e’ quello di trascinare fuori dalle tele le sue donne. Non dipinge i volti, perche’ non vuole attirare l’attenzione sul particolare, ma vuole portare l’osservatore ad una visione complessiva della sua opera, lasciandolo libero di interpretare le emozioni che trapelano dalle sue tele.

Facebook | Twitter | Youtube | Email